Translate

martedì 30 dicembre 2014

Manuale delle buone maniere n°3: Buoni propositi per il nuovo anno



Buoni propositi per l'anno nuovo:

Il manuale delle buone maniere consiglia una serie di buoni propositi per il nuovo anno.

  • Valorizzati: basta sottovalutarsi e sminuire le tue capacità. Cerca di valorizzare i tuoi punti di forza e dimostra a te stesso che vali;
  • Impara a conoscerti meglio: tutti noi abbiamo una qualche consapevolezza del nostro essere nel mondo; molte volte, però, tale concezione è errata o mancante. Cerca di capire come sei fatto dentro, senza timore di guardarti allo specchio e non riconoscere la persona in esso riflessa. Conoscere se stessi è il modo migliore per valorizzarsi (riprendendo il primo punto) e poter vivere in armonia con il proprio animo e con chi ci circonda;
  • Non avere paura delle sfide: lanciati dalla rupe delle tue paure e partecipa a nuove sfide. L'importante non è vincere la gara ma parteciparvici e dimostrare che possiamo superare gli ostacoli che bloccavano il nostro cammino;
  • Non dire mai impossibile: nulla è impossibile, fin quando non siamo noi stessi a renderlo tale. L'impossibilità è una parola inventata dall'uomo per descrivere ciò che non riusciva a fare quando ormai era stanco di lottare. Non stancarti mai di lottare, ma desidera con tutto il tuo essere ed avrai, se non smetterai di andare avanti per la tua strada;
  • Poniti un obiettivo: dai priorità ai tuoi desideri e stabilisci quello che per te è più importante. Se credi davvero che nulla è impossibile (riprendendo il punto precedente), il suddetto obiettivo si materializzerà davanti ai tuoi occhi prima che tu possa dire «Non ci riesco»;
  • Non abbatterti davanti a nulla e non farti abbattere da nessuno: quel che è difficile da credere e di cui troppo spesso ci dimentichiamo, è che siamo tutti uguali. Non esiste re, presidente o luminare che sia diverso da noi. Ciò che ci differenzia è la situazione da cui tutti noi partiamo - e se crediamo davvero che nulla è impossibile, possiamo eguagliare - e la determinazione nel valorizzare noi stessi, portandoci ad un livello spirituale tale da sbloccare le nostre capacità e differenziarci, dimostrando in modo inconfutabile, la nostra unicità. Niente che chiunque non possa fare;
  • Elimina dalla tua vita le cose o le persone che ti fanno soffrire: gli ostacoli che la vita ci riserva sono infiniti. Essi si nutrono delle nostre paure e, quando diventiamo o ci mostriamo più vulnerabili, approfittano delle debolezze per abbatterci. Se c'è qualcosa, o qualcuno, che ti fa del male e non ti permette di vivere serenamente e far sbocciare le tue capacità, non avere paura di dire «BASTA». Milioni di persone prima di noi si sono trovate in situazioni spiacevoli ma sono comunque sopravvissute ed altrettante milioni dopo di noi , vivranno lo stesso. Non credere di non poter superare gli ostacoli che la vita di pone. E se hai paura di restare solo, ricorda che sulla Terra siamo più di 7 miliardi di persone.
  • Non ignorare le richieste d'aiuto: anche quando esse sono silenziose. Tendi la tua mano verso chi soffre. Per l'uomo, così caparbio ed orgoglioso, è difficile ammettere di aver bisogno degli altri; fai il primo passo e renditi disponibile;
  • Supera una tua difficoltà: in quanto esseri non perfetti abbiamo, inevitabilmente, qualche ostacolo che ci blocca. Si chiama paura. Apriti ad essa e cerca di superare il tuo problema;
  • Impara ad ascoltare l'altro ed aprirti ad esso: chi più, chi meno, ma tutti noi abbiamo bisogno di confidarci e parlare di ciò che ci affligge. Che sia un estraneo o un fratello, sentiamo - se le condizioni sono ottimali - la necessità di aprirci;
  • Buone azioni: niente di più ovvio e più complesso al tempo stesso. Il bene porta sempre ad altrettanto bene;
  • Allarga le tue conoscenze: studia, leggi, informati e confrontati con persone che hanno punti di vista diversi dai tuoi. Solo in questo modo potrai arrivare ad un livello spirituale maggiore;
  • Indaga il più possibile su ciò in cui credi: ognuno di noi crede in qualcosa di esterno a sé. Anche non credere in nulla è una fede nichilistica che può essere un filo portante dell'esistenza dell'uomo. Bene, non fermarti a ciò che gli altri ti raccontano della tua fede: impara a conoscere il tuo Dio, il tuo testo sacro o il tuo nulla nel mondo, ma da solo. Scoprirai tante cose di cui ignoravi l'esistenza e arriverai a nuove consapevolezze che andranno a far fiorire la tua spiritualità
  • Viaggia nel tempo e nel mondo: so che può sembrare una frase controversa ma non è impossibile da realizzare. Lo sviluppo dell'uomo ha reso realizzabile questa magia grazie allo strumento della lettura. Leggere allarga l'orizzonte delle proprie capacità ed eleva il nostro animo ad uno stato sublime;
  • Non credere che non c'è più nulla che puoi imparare: il mondo è così vasto, *nel tempo e nello spazio, che nessun essere umano potrà mai conoscere tutto. Non smettere mai di apprendere;
  • Elimina la paranoia: ricorda che sei responsabile sono per ciò che fai e che dici. Quindi, niente e nessuno può pesarti sulla coscienza, se sei nel giusto;
  • Da' meno importanza al giudizio degli altri: essendo, come detto in precedenza, tutti uguali non vi è mai un giudizio più importante di un altro e, sopratutto, del nostro. Quel che ha maggiore importanza è la persona che esprime il suddetto giudizio ma, comunque, dobbiamo dare precedenza a noi stessi e non avere paura di portare avanti le nostre ragioni, sempre nella disponibilità di mutarle quando esse ci appaiono - in seguito a nuove consapevolezze - errate;
  • Ringrazia sempre per ciò che hai: molte volte dimentichiamo di dire grazie, non necessariamente per ingratitudine o maleducazione; lo dimentichiamo e basta. Impariamo ad allenare noi stessi  nel dire «Grazie»;
  • Sii sempre impegnato in tante cose diverse: un ottimo modo per tenere la mente in costante movimento e fare nuove amicizie;
  • Non sentirti mai superiore all'altro: o più furbo. Chi si ferma a guardare la propria immagine riflessa nell'acqua non si accorge di ciò che accade alle proprie spalle. La delusione potrebbe esserci fatale;
  • Non avere paura di reagire: di denunciare le storture della società e della nostra vita. Ciò che ci accade, almeno non del tutto, può succedere che non dipenda dalle nostre volontà. Spesso questa "serie di eventi sfortunati" diventa inarrestabile. Quel che possiamo fare e non arrenderci e combattere contro di essi;
  • Quando ne hai bisogno, prenditi una pausa di riflessione: non siamo macchine, anche se ogni tanto lo dimentichiamo. La vita stressante di cui siamo protagonisti nella società attuale può stremarci. Una bella pausa è ciò che ci serve per riprendere fiato e tornare ad essere in forma;
  • Mangia meglio e cura te stesso: fisicamente e psicologicamente. « Orandum est ut sit mens sana in corpore sano »...« Bisogna pregare affinché ci sia una mente sana in un corpo sano. » (Giovenale, Satire, X, 356)
  • Fa di te una cosa nuova: se sei insoddisfatto della tua vita, di come sei e di ciò che fai, la risposta ai tuoi problemi è facilmente individuabile: modella te stesso fin quando non otterrai la pace interiore;
  • Credi nei tuoi sogni: fin da bambini tutti noi abbiamo desiderato essere/fare qualcosa. «Sarò un dottore», «una giornalista», «un astronauta», «uno scrittore», «un pittore», «una veterinaria»... Non tutti sono ANCORA riusciti a realizzare i proprio desideri, oppure essi nel tempo sono cambiati, sotto l'influenza di nuove esperienze. Siediti, ricorda ciò che hai sempre desiderato e lotta insistentemente per ottenerlo. Non credere mai che sia troppo tardi, impossibile o troppo presto, per lottare e sognare...

Buon anno nuovo a tutti dal Manuale delle buone maniere...
Ovviamente questo "manuale" non c'è: non esiste manuale che possa dirci cosa fare. Siamo noi a crearlo di volta in volta, vivendo quotidianamente le nostre vite.
Quindi, tanti auguri a voi da parte mia, nell'augurio che il 2015 possa essere ricco di felicità e speranza per tutti noi..
Jennifer


Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved

(Foto del web)

2 commenti:

  1. Ciao Jennifer anche se con ritardo Buon Anno, e speriamo di mettere in pratica almeno uno o due di questi propositi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carolina:)
      scusami leggo ora il commento... è un periodo molto impegnato ed era da questo post che non entravo sul blog... grazie e auguri di buon anno a te:)
      Speriamo, sono consigli che do anche a me stessa per cercare di migliorare ed affrontare al meglio le sfide che la vita ci riserva... ti auguro una bellissima giornata e grazie mille per il tuo commento:)

      Elimina

Grazie mille per il tuo commento:)
Jennifer