Le mappe e le illustrazioni dei libri

«Giuro solennemente di non avere buone intenzioni» - Le mappe e le illustrazioni dei libri: il testo e le immagini conferiscono alla narrazione una marcia in più nell’identificazione del lettore con il mondo descritto.

Quando viene narrata una storia è importante stabilirne il tempo e lo spazio, conoscerne l’ambiente nei suoi dettagli oltre ai costumi e al folclore della società narrata. In questo connubio di dettagli giocano un ruolo interessante le mappe: le carte geografiche delle terre in cui sono ambientati i fatti aiutano il lettore a compiere un vero e proprio viaggio con i personaggi descritti. La cartina dei luoghi presentati impreziosisce il libro, aumenta la curiosità del lettore e ne migliora il coinvolgimento. Immaginate di aprire un romanzo fantasy e trovare in prima pagina la descrizione minuziosa di tutti quei luoghi misteriosi: non siete curiosi di scoprire le avventure nascoste tra le terre immaginarie? La Terra di Oz, il Paese delle Meraviglie, la mappa di Hogwarts, la Terra di mezzo, la mappa del mondo di Narnia e la mappa del mondo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco sono solo alcuni esempi di come luoghi cartografati dettagliatamente conferiscano realismo alla narrazione facendo leva sulle capacità evocative che le descrizioni ravvivano nel lettore. Un altro esempio incredibilmente suggestivo di come le mappe aumentino l’identificazione è la Mappa del Malandrino, una mappa segreta della mappa nella storia. Chi non vorrebbe sbirciare, almeno una volta, il suo contenuto?




L’impressione che le pagine possano catapultare chi legge nel mondo raccontato viene amplificata anche dalle illustrazioni presenti nei libri, soprattutto (ma non solo) in quelli per bambini. Per citarne un esempio (non casuale – e chi mi segue da un po’ conosce la mia passione per questa storia) pensate alle illustrazioni presenti in Alice nel Paese delle Meraviglie presentate da Carroll nel 1863 a cui l’editore decise di cambiare il titolo (inizialmente “Alice’s Adventures under ground”) e di allegare al libro le illustrazioni di Sir John Tenniel. Altri esempi molto conosciuti: Il circolo Pickwick di Charles Dickens, James e la pesca gigante di Roald Dahl, con le illustrazioni di Quentin Blake, Maurice Sendak Nel paese dei mostri selvaggi.




Parlando di mappe e letteratura non posso non citare la magnifica scoperta fatta oggi: “La mappa della letteratura" dell'artista  slovacco Martin Vargic è una visualizzazione grafica di come la letteratura del mondo si è evoluta dall’epoca antica fino ai giorni nostri - ( Buzz Feed Books.)
Diversi periodi e generi della letteratura sono rappresentati da entità distinte (i Paesi) sulla mappa, che si dipanano dal centro e mostrano la graduale evoluzione dei vari generi. La mappa è divisa in quattro continenti diversi, che simboleggiano le diverse forme letterarie: Dramma, Poesia, Prosa Narrativa, Prosa Saggistica.  
“Mi ci sono voluti circa tre settimane per progettare e disegnare la mappa della letteratura, spesso ho dovuto lavorarci più di 15 ore al giorno sul progetto” afferma il giovane artista all'epoca appena diciassettenne. 
(fonte mappa della letteratura  LIBRERIAMO .it)




Questa pubblicazione non può essere riprodotta, sia in forma parziale che totale, senza il previo consenso scritto del proprietario del copyright.

This image was created by Jennifer Di Giovine ©. The copyright owner inhibit the use of this work.


Copyright 2018 ©
Les Petites Folies by
Di Giovine Jennifer.
All rights reserved.



Commenti

Post più popolari