Translate

martedì 30 dicembre 2014

Manuale delle buone maniere n°3: Buoni propositi per il nuovo anno



Buoni propositi per l'anno nuovo:

Il manuale delle buone maniere consiglia una serie di buoni propositi per il nuovo anno.

  • Valorizzati: basta sottovalutarsi e sminuire le tue capacità. Cerca di valorizzare i tuoi punti di forza e dimostra a te stesso che vali;
  • Impara a conoscerti meglio: tutti noi abbiamo una qualche consapevolezza del nostro essere nel mondo; molte volte, però, tale concezione è errata o mancante. Cerca di capire come sei fatto dentro, senza timore di guardarti allo specchio e non riconoscere la persona in esso riflessa. Conoscere se stessi è il modo migliore per valorizzarsi (riprendendo il primo punto) e poter vivere in armonia con il proprio animo e con chi ci circonda;
  • Non avere paura delle sfide: lanciati dalla rupe delle tue paure e partecipa a nuove sfide. L'importante non è vincere la gara ma parteciparvici e dimostrare che possiamo superare gli ostacoli che bloccavano il nostro cammino;
  • Non dire mai impossibile: nulla è impossibile, fin quando non siamo noi stessi a renderlo tale. L'impossibilità è una parola inventata dall'uomo per descrivere ciò che non riusciva a fare quando ormai era stanco di lottare. Non stancarti mai di lottare, ma desidera con tutto il tuo essere ed avrai, se non smetterai di andare avanti per la tua strada;
  • Poniti un obiettivo: dai priorità ai tuoi desideri e stabilisci quello che per te è più importante. Se credi davvero che nulla è impossibile (riprendendo il punto precedente), il suddetto obiettivo si materializzerà davanti ai tuoi occhi prima che tu possa dire «Non ci riesco»;
  • Non abbatterti davanti a nulla e non farti abbattere da nessuno: quel che è difficile da credere e di cui troppo spesso ci dimentichiamo, è che siamo tutti uguali. Non esiste re, presidente o luminare che sia diverso da noi. Ciò che ci differenzia è la situazione da cui tutti noi partiamo - e se crediamo davvero che nulla è impossibile, possiamo eguagliare - e la determinazione nel valorizzare noi stessi, portandoci ad un livello spirituale tale da sbloccare le nostre capacità e differenziarci, dimostrando in modo inconfutabile, la nostra unicità. Niente che chiunque non possa fare;
  • Elimina dalla tua vita le cose o le persone che ti fanno soffrire: gli ostacoli che la vita ci riserva sono infiniti. Essi si nutrono delle nostre paure e, quando diventiamo o ci mostriamo più vulnerabili, approfittano delle debolezze per abbatterci. Se c'è qualcosa, o qualcuno, che ti fa del male e non ti permette di vivere serenamente e far sbocciare le tue capacità, non avere paura di dire «BASTA». Milioni di persone prima di noi si sono trovate in situazioni spiacevoli ma sono comunque sopravvissute ed altrettante milioni dopo di noi , vivranno lo stesso. Non credere di non poter superare gli ostacoli che la vita di pone. E se hai paura di restare solo, ricorda che sulla Terra siamo più di 7 miliardi di persone.
  • Non ignorare le richieste d'aiuto: anche quando esse sono silenziose. Tendi la tua mano verso chi soffre. Per l'uomo, così caparbio ed orgoglioso, è difficile ammettere di aver bisogno degli altri; fai il primo passo e renditi disponibile;
  • Supera una tua difficoltà: in quanto esseri non perfetti abbiamo, inevitabilmente, qualche ostacolo che ci blocca. Si chiama paura. Apriti ad essa e cerca di superare il tuo problema;
  • Impara ad ascoltare l'altro ed aprirti ad esso: chi più, chi meno, ma tutti noi abbiamo bisogno di confidarci e parlare di ciò che ci affligge. Che sia un estraneo o un fratello, sentiamo - se le condizioni sono ottimali - la necessità di aprirci;
  • Buone azioni: niente di più ovvio e più complesso al tempo stesso. Il bene porta sempre ad altrettanto bene;
  • Allarga le tue conoscenze: studia, leggi, informati e confrontati con persone che hanno punti di vista diversi dai tuoi. Solo in questo modo potrai arrivare ad un livello spirituale maggiore;
  • Indaga il più possibile su ciò in cui credi: ognuno di noi crede in qualcosa di esterno a sé. Anche non credere in nulla è una fede nichilistica che può essere un filo portante dell'esistenza dell'uomo. Bene, non fermarti a ciò che gli altri ti raccontano della tua fede: impara a conoscere il tuo Dio, il tuo testo sacro o il tuo nulla nel mondo, ma da solo. Scoprirai tante cose di cui ignoravi l'esistenza e arriverai a nuove consapevolezze che andranno a far fiorire la tua spiritualità
  • Viaggia nel tempo e nel mondo: so che può sembrare una frase controversa ma non è impossibile da realizzare. Lo sviluppo dell'uomo ha reso realizzabile questa magia grazie allo strumento della lettura. Leggere allarga l'orizzonte delle proprie capacità ed eleva il nostro animo ad uno stato sublime;
  • Non credere che non c'è più nulla che puoi imparare: il mondo è così vasto, *nel tempo e nello spazio, che nessun essere umano potrà mai conoscere tutto. Non smettere mai di apprendere;
  • Elimina la paranoia: ricorda che sei responsabile sono per ciò che fai e che dici. Quindi, niente e nessuno può pesarti sulla coscienza, se sei nel giusto;
  • Da' meno importanza al giudizio degli altri: essendo, come detto in precedenza, tutti uguali non vi è mai un giudizio più importante di un altro e, sopratutto, del nostro. Quel che ha maggiore importanza è la persona che esprime il suddetto giudizio ma, comunque, dobbiamo dare precedenza a noi stessi e non avere paura di portare avanti le nostre ragioni, sempre nella disponibilità di mutarle quando esse ci appaiono - in seguito a nuove consapevolezze - errate;
  • Ringrazia sempre per ciò che hai: molte volte dimentichiamo di dire grazie, non necessariamente per ingratitudine o maleducazione; lo dimentichiamo e basta. Impariamo ad allenare noi stessi  nel dire «Grazie»;
  • Sii sempre impegnato in tante cose diverse: un ottimo modo per tenere la mente in costante movimento e fare nuove amicizie;
  • Non sentirti mai superiore all'altro: o più furbo. Chi si ferma a guardare la propria immagine riflessa nell'acqua non si accorge di ciò che accade alle proprie spalle. La delusione potrebbe esserci fatale;
  • Non avere paura di reagire: di denunciare le storture della società e della nostra vita. Ciò che ci accade, almeno non del tutto, può succedere che non dipenda dalle nostre volontà. Spesso questa "serie di eventi sfortunati" diventa inarrestabile. Quel che possiamo fare e non arrenderci e combattere contro di essi;
  • Quando ne hai bisogno, prenditi una pausa di riflessione: non siamo macchine, anche se ogni tanto lo dimentichiamo. La vita stressante di cui siamo protagonisti nella società attuale può stremarci. Una bella pausa è ciò che ci serve per riprendere fiato e tornare ad essere in forma;
  • Mangia meglio e cura te stesso: fisicamente e psicologicamente. « Orandum est ut sit mens sana in corpore sano »...« Bisogna pregare affinché ci sia una mente sana in un corpo sano. » (Giovenale, Satire, X, 356)
  • Fa di te una cosa nuova: se sei insoddisfatto della tua vita, di come sei e di ciò che fai, la risposta ai tuoi problemi è facilmente individuabile: modella te stesso fin quando non otterrai la pace interiore;
  • Credi nei tuoi sogni: fin da bambini tutti noi abbiamo desiderato essere/fare qualcosa. «Sarò un dottore», «una giornalista», «un astronauta», «uno scrittore», «un pittore», «una veterinaria»... Non tutti sono ANCORA riusciti a realizzare i proprio desideri, oppure essi nel tempo sono cambiati, sotto l'influenza di nuove esperienze. Siediti, ricorda ciò che hai sempre desiderato e lotta insistentemente per ottenerlo. Non credere mai che sia troppo tardi, impossibile o troppo presto, per lottare e sognare...

Buon anno nuovo a tutti dal Manuale delle buone maniere...
Ovviamente questo "manuale" non c'è: non esiste manuale che possa dirci cosa fare. Siamo noi a crearlo di volta in volta, vivendo quotidianamente le nostre vite.
Quindi, tanti auguri a voi da parte mia, nell'augurio che il 2015 possa essere ricco di felicità e speranza per tutti noi..
Jennifer


Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved

(Foto del web)

domenica 28 dicembre 2014

Frasi per augurarti una splendida domenica piena d'amore:)




Citazioni...per una giornata dedicata all'amore
Dedicata al mio amore!
Ti amo <3
Buona domenica a tutti,
Jennifer

Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved.

sabato 27 dicembre 2014

Finalmente sei qui



Era te che aspettavo...
Una luce brilla sulle tenebre che,
fino a poco tempo fa,
mi circondavano.
Era te che attendevo con ansia,
quel profumo di vita incolore
dal dolce sapore.
Era per te che il mio cuore bramava verità,
una realtà assaporata per la prima volta.
E quando sei calata su di me, allora ho compreso.
Ho capito ciò che è per me bianco oppure nero.
Se prediligo il canto alla musica.
Il non sopportare le ingiustizie sugli altri
ma chiudere un occhio per quelle che vengono fatte a me,
solo per amore.
Sentire il cuore
come il dente di leone trascinato dal vento
quando esso è in tempesta,
con l'animo che freme per raggiungere un porto sicuro.
Ed i raggi del sole
riscaldano la mia pelle ormai fredda,
ghiacciata dall'impervio cammino che ho percorso
fatto di buche profonde
e strane figure con gli occhi del male
che mi attraggono e mi hanno attratto a loro,
cercando di farmi perdere il mio essere.
E dopo una lunga passeggiata
nel buio più profondo
comprendo l'errore
e rinasco dalle tenebre
proprio come nuotare nella pece nera
cercando di arrivare all'arcobaleno.
La consapevolezza di me stessa è la mia luce,
il faro che mi ha fatto comprendere
che non ho bisogno di nulla
più di ciò che già ho,
dopo aver ripulito per bene il cammino
dai rami secchi, ormai morti
e dal doppio fondo tagliente
che tante volte hanno squarciato la mia pelle
procurando dolore e sofferenza.
Mi siedo e respiro,
e sento la vita entrare nelle vene,
entrare in circolo nel sangue
e darmi nuova forza.
Quella consapevolezza che mi fa dire
《Bene, è finita. Finalmente inizia la mia vita》.

Dedico questa riflessione a chi ogni giorno si trova ad affrontare troppi rami taglienti sul proprio cammino.
A chi ha perso se stesso,
nella speranza di trovare al più presto la via di uscita.
La dedico alla vita,
motivazione stessa per continuare a vivere con tutta la forza che abbiamo in noi.

Buona giornata a tutti,
Jennifer

Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved

domenica 21 dicembre 2014

Citazioni per te - parte 2

Citazioni per te...



Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved

sabato 20 dicembre 2014

Citazioni per te

Citazioni per te...



Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved

giovedì 18 dicembre 2014

Manuale delle buone maniere n°2: Sii la tua luce



Buongiorno cari amici...
Oggi, avendo a disposizione un pò di tempo dalla frenesia che è protagonista di questo mio ultimo periodo, ho deciso - spinta dal bisogno di esprimermi - di riprendere un post che scrissi mesi or sono (che vi lascio qui, per riportalo alla memoria). Al periodo, avevo una consapevolezza differente di quello che mi circonda e di ciò che sono. Può sembrare un troppo breve lasso di tempo per poter affermare di essere diversa ma credo di poterlo motivare in questo modo: è un pò come quando un bambino diventa adulto improvvisamente perchè vive un'esperienza che lo cambia in modo netto. E con questo non voglio dire che ora mi sento adulta, anzi, ho ancora molta strada da fare anagraficamente e psicologicamente. Posso dire però, metaforizzando, di avere un anno in più, di aver spento una nuova candelina sulla torta di compleanno della mia vita.
Questo mi spinge a riflettere molto su me stessa, scoprendo tanti nuovi difetti, ansie e fobie ma, quel che più importa - in quanto avere una consapevolezza delle proprie mancanze è già il primo passo per risolverle - è il percepire che ciò che mi contraddistingue è notato.
Il discorso che andrò ad affrontare non è uno sfogo egocentrico di una persona con troppa autostima (magari!) ma io sarò la tua metafora. Si, ho scritto bene: uso la prima persona perché voglio che tu, che mi stai leggendo, ti renda conto che sto parlando proprio di te. Ed il titolo che puoi leggere lassù, in alto, ne è la prova inconfutabile: SII LA TUA LUCE, solo in questo modo potrai far brillare ciò che sei.
Dal fondo della difficoltà - tornando a parlare di "te" in prima persona - posso dire che, anche se non voglio ammetterlo perché il dolore sovrasta ogni cosa, ho almeno un motivo al giorno per sorridere, qualcosa che mi fa stare bene...o qualcuno.
Sono cosciente che, ognuno di noi, prova differenti tipi di dolore e di diverso livello. So di non potermi lamentare quando poi si legge di una donna che vive in un parco pubblico perché non sa dove poter vivere. O quando due genitori non hanno abbastanza soldi per comprare cibo per i loro figli e possono offrirgli per cena solo latte e biscotti e restare loro a digiuno.
Tornando alla storia della donna nel parco, c'è una cosa che ci accomuna: è stata cacciata da quel luogo perché si riteneva che lì non potesse dormire.
Trovato il filo conduttore? L'egoismo umano.
Esso è la causa scatenante di molti di quei problemi che non vengono percepiti come tali perché risiedono in un luogo non accessibile con mano: la nostra mente.
Il dolore che può provocare l'egoismo è senza confini, soprattutto quando, a deluderci, sono persone che amiamo.
Niente piagnistei: quanto scritto è un'introduzione alla "morale" di questo post.
Inutile scrivere di qualcuno che ha tradito la nostra fiducia, che si è scoperto di essere diverso da come credevamo o che ci ha sfruttato per arrivare a scopi personali, permettetemi di dirlo, raggiunti con le nostre forze e quindi vani ugualmente.
Perché le cose non cambiano, purtroppo. Anzi, come dice sempre una persona che mi è vicina (e qui si, parlo di "me" in prima persona per condividere una massima con voi), meglio scoprire che tizio è tondo e non quadrato, prima che diventa troppo vicino a noi. Bé, forse triste ma vero.
Quel che preme la mia coscienza è la consapevolezza CHE NON DOBBIAMO MAI PERMETTERE A NESSUNO DI SPEGNERE LA LUCE CHE ABBIAMO DENTRO.
Sappiate che, più essa brillerà, e più ci saranno persone che cercheranno di spegnere l'interruttore.
Prendetela e chiudetela in un luogo sicuro, lontano da sguardi indiscreti.
Tutelatela e tenetela al riparo: credetemi che sarà proprio essa, con il suo calore prorompente, ALMENO il motivo che avete per sorridere durante le vostre giornate. E quando qualcuno si piegherà per cercare di rubarne almeno un luccichio, allontanatevi e riponetela al sicuro, non dalle mani lunghe, ma dalle parole taglienti.
Questo post è stato scritto perché troppo spesso, e ne sono certa/o, ci troviamo a sentire persone che si abbattono e sminuiscono se stesse per colpa di altri.
Il dolore finirà quando smetteremo di dare importanza a cose inesistenti e valorizzeremo noi stessi e l'amore che proviamo per le persone che ci sono vicine.

Il manuale delle buone maniere consiglia di proteggere il vostro intimo dall'egoismo e di abbandonare la tristezza che vi trascinate e puntare sulle carte vincenti: le vostre capacità e l'amore che avete per voi stessi e per le persone che vi vogliono bene.
MAI CREDERE DI NON POTER FARE QUALCOSA:solo in questo modo nulla sarà impossibile.

Tornando a parlare per "me"... vi auguro una splendida giornata.
A presto,
Jennifer

Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved

lunedì 15 dicembre 2014

Per farvi un saluto:)



Buona sera cari amici!
So di essere poco presente in questo periodo ma sono piena di impegni per via della tesi... ma non vi preoccupate, non vi lascerò:)
Anzi, ho in mente un paio di idee molto interessanti che sto mettendo a punto... ma non voglio svelarvi troppo:)
Sono passata per farvi un saluto ed augurare una splendida serata...
e, sopratutto, fare un benvenuto al Natale!!
Finalmente è arrivato il più bel periodo dell'anno!!
A presto amici...
Un bacione,
Jennifer

martedì 9 dicembre 2014

Eccoti felicità...



Questa mattina la mia riflessione è sulla vita, di come essa sia incredibilmente capace di cambiare le carte in tavola e lasciarti spiazzato.
Ogni cosa appare diversa ed iniziamo a non sentirci più padroni di noi stessi.
La confusione, il dolore ed un senso di smarrimento sembrano prevalere.
Come una forza che cerchi di trattenere e che poi, in quei momenti nei quali la vista si annebbia, sembra scoppiare ed esplodere... quasi follia...
Però, l'essere umano, nonostante le sue tante imperfezioni, ha una grande qualità: avere la forza di tornare sempre in piedi e continuare a camminare a testa alta.
Nulla potrà abbatterci SE noi non glie lo permettiamo.
Quando tutto sembra sfuggirci dalle mani dobbiamo fermarci, raccogliere i pezzi e prendere tempo per noi stessi, senza limitazioni.
E se volete evadere, scappare da questa frenesia, potete farlo, anche solo con la vostra mente.
Il pensiero è lo strumento più incredibile che abbiamo a nostra disposizione ed è un'ottima terapia nei momenti difficili.
Se sentite che avete bisogno di cambiare, fatelo!
Fatevi un regalo, instaurate amicizie, escludete chi e ciò che vi fa del male, scoprite la vita urlando di gioia nel cuore della notte, correndo sulla sabbia...
Tranquillo, tornerai in piedi vedrai...
Ed arriverà anche il tuo momento,
potrai dire «Sono Felice, finalmente».


Questo buongiorno lo dedico a chi sta vivendo un momento difficile.
Ricorda che puoi essere come il mare: una volta che sbatti contro lo scoglio, poi, torni sempre indietro...

Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved

mercoledì 3 dicembre 2014

Una settimana da Dio - Sii il tuo miracolo





Un bellissimo messaggio per iniziare al meglio la giornata... diventiamo il nostro miracolo!

Buona giornata,

Jennifer

martedì 2 dicembre 2014

Lo dedico a te... nell'attesa di vederti...



Toc, toc.
Disturbo?
Vorrei dirti qualcosina.
Sono mesi che ormai ti penso; mi chiedo "Chissà come sara, se mi vorrà bene e se sarò una brava madre!".
La mia vita è cambiata da quando ci sei tu: ti sto aspettando, ti sto aspettando da mesi e con tantissima ansia.
Credo che non ci sia emozione più forte di quella che sto provando.
Sento la vita scorrermi nelle vene e prendere forma dentro me.
Mi piace sedermi vicino la finestra con il tuo papà ed ascoltare ogni tuo piccolo movimento.
Lui è tanto inquieto; vorrebbe già vederti e capire se lo amerai. È preoccupato perché non sa nemmeno da dove iniziare: come prenderti in braccio, come curarsi di te.
E resta a fissare il mio pancione come perso nel vuoto.
Ma ne sono certa: sarà un bravo papà.
È la persona più bella e gentile che abbia mai incontrato...
Anche io sono inquieta: vorrei sapere se sarai una femminuccia o un maschietto. Se nascerai sano, forte e se la tua strada sarà spianata.
Vorrei poterti assicurare che tutti i tuoi sogni si realizzeranno.
Che la tua vita sarà contrassegnata solo dalla gioia; ma non lo posso sapere.
Quello che posso, che possiamo assicurarti io ed il tuo bellissimo papà è che ti ameremo più della nostra stessa vita, che saremmo disposti a tutto per aiutarti e che cerceremo di prenderci cura di ogni tuo bisogno, anche nei momenti difficili.
Io ti amo.
Tuo padre ti ama.
Tutti vogliamo vederti.
Chissà se mi stai ascoltando: a presto piccolo mio. O piccola mia.

Questo buongiorno lo dedico a tutte le mamme e i papà.
A chi ha cresciuto i suoi figli e a chi attende di crescerli.
Non c'è ruolo più bello.
Quindi grazie, grazie di cuore per essere le figure essenziali per ognuno di noi, a prescindere dall'età.
Anche se diventiamo adulti, mai smetteremo di avere bisogno di un abbraccio, un sorriso o una parola di conforto e, soprattutto, del loro amore...
GRAZIE

Buona giornata a tutti,
Jennifer

Copyright © 2014 Les Petites Folies by Di Giovine Jennifer. All rights reserved